Thursday, October 23, 2014

gaza

di -
0 235

Haz click aquí para leer el articulo en Español

In Gaza we don’t have water and when we have water, we can’t make it ice since the electricity is off most of the time. So my cousin Hafiz, My nephew Khalid and I used remains of a destroyed house to participate in this challenge. I am not nominating anyone for this challenge but I am asking you all to show solidarity with Palestinians and to participate in this challenge.

Thank you in advance. [Abu Yazan, Gaza]

[tube]https://www.youtube.com/watch?v=YjEQVMpG-LE&feature=youtu.be[/tube]

[tube]https://www.youtube.com/watch?v=MlTL4bmHiCI[/tube]

Dopo settimane di immagini e video di famosi che si tirano secchi d’acqua gelata in testa per, dicono, sensibilizzare l’opinione pubblica ed incoraggiare le donazioni a favore della ricerca sulla SLA, è diventata virale nella rete e si sta diffondendo un’altra sfida, la risposta a tutti quelli che si sono divertiti a giocare, chi in America, chi in Europa, ai secchi d’acqua, questa volta per sensibilizzarci sulla pulizia etnica in corso a Gaza.

Sto parlando del #RubbleBucketChallenge, campagna promossa da uno studente dell’Università di Gaza, Maysam Yusef, che, seguendo l’onda pubblicitaria della campagna per la SLA, ci ricorda che a causa della guerra e la devastazione perpetrata dai magnacci dell’economia, l’oro blu sta diventando un bene di lusso.

Torniamo un momento alla SLA e all’#IceBucket Challenge che tanto ha spopolato in rete. In poche parole, si tratta di questo: una persona si tira un secchio d’acqua gelata in testa ed invita un “nominato” a sua scelta a fare lo stesso entro 24h, la pena per dare forfait è fare una donazione alla ALS Association (associazione di ricerca sulla SLA negli Stati Uniti) o alla Motor Neurone Disease Association, la corrispettiva inglese.

Un gioco divertente insomma questo Ice Bucket Challenge, ha fatto sorridere i fan di attori e politici che si sono “lavati la coscienza”, diciamolo pure (non tutti hanno fatto una donazione, ndr), facendo vedere di essere “interessati” alla causa medica in questione.

Senza dubbio, il merito maggiore della sfida del secchio ghiacciato è stato quello di rinnovare la riflessione su problemi come la mancanza d’acqua in ¾ del pianeta, il prosciugamento delle falde acquifere e la desertificazione, la privatizzazione dell’acqua e così via. Certo la maggiorparte del pubblico si sarà limitato  a condividere sulle reti sociali il video dell’attore preferito che si fa una doccia gelata… ma sono convinto che a moltissime persone sono girati i coglioni quando hanno visto i riccaccioni del jet set hollywoodiano ed i politici del “mondo occidentale” giocare coi secchi d’acqua mentre almeno un intero continete muore di sete.

gazaMagari proprio tra le reti sociali, tra i più giovani soprattutto, dove pullula la madre di tutte le malattie, l’ignoranza,  un’iniziativa come la #RubbleBucketChallenge potrebbe cominciare a diffondere, o “viralizzare” se preferite, la responsabilità che ognuno di noi ha, in quanto essere umano, di preservare l’acqua, il bene più prezioso del mondo. L’oro, ragazzi, non si beve.

“Qua a Gaza non abbiamo acqua e quando ce l’abbiamo non possiamo fare il ghiaccio fintantoché non c’è l’elettricità” – ci racconta Abu Yazan, nel video d’apertura di questo articolo.

Da Gaza i palestinesi ci inviano i video con le loro secchiate di sabbia e macerie, quello che è rimasto delle loro case, in seguito al terribile genocidio commesso da Israele ed i suoi alleati (tra cui l’Italia che gli ha venduto gran parte delle armi) per meschine ragioni economiche e ridicoli principi religioso-culturali, un po’ come le Crociate del Medioevo.

Non ho parole per descrivere l’inutilità delle persone che si truccano con falsa empatia, ipocriti che parlano di cooperazione internazionale, azioni umanitarie ed alto al fuoco, mentre durante i loro comizi, i loro incontri diplomatici, le loro cene di gala e le loro coglionate goliardiche con tanto di secchiate di ghiaccio in testa, muoiono migliaia di persone innocenti.

Con l’iniziativa dell’Ice Bucket, l’americana ALS ha raccolto finora circa 90 milioni di dollari, da destinare alla ricerca sulla SLA, rispetto ai 2,5 milioni del 2013 [dati ALS Association] . Una bella gaza2differenza, non c’è dubbio, e ne sono contento ma resto sempre dell’opinione che dovrebbero essere i governi a finanziare la ricerca medica al 100% ed il denaro, invece di uccidere, non dovrebbe più essere d’intralcio alla ricerca scientifica e la conseguente evoluzione umana… comunque, di questo ne ho già parlato in articoli come: La vera evoluzione è rinunciare ai soldi. Non ci servono più” o I crimini delle farmaceutiche” .

Quest’articolo è dedicato a Maysam Yusef, Abu Yazan, alle loro famiglie, a tutto il popolo palestinese ed a tutti coloro che muoiono per guerre e carestie.

Dalla Cina all’Africa, dovunque siate, scusateci ma la guerra che fanno qua, nell’indolente occidente delle secchiate d’acqua, è quella di mantenerci seduti sulla poltrona a guardarvi morire in televisione. Siamo il gregge dormiente, gli schiavi che allestiscono con sorrisi e storielle deprimenti la facciata di questa scoria di mondo in cui ci hanno ridotti a vivere.

Oggi è Gaza, domani un altro paese, un altro popolo, altra gente innocente. Persone che muoiono per il gusto dei potenti di giocare a chi ce l’ha più grosso.

Pace e amore.

Matteo Vitiello

 

Gaza: cubos de arena y escombros: #RubbleBucketChallenge vs la guerra y el despilfarro de agua

 

gazaDespués de semanas de fotos y videos de las celebridades que se tiran cubos de agua helada por encima de la cabeza para, por ejemplo, sensibilizar la opinión pública y dar a conocer o fomentar las donaciones a la investigación del ELA, se ha extendido un nueva campaña viral en la red que entraña otro desafío, un respuesta para todos aquellos que han disfrutado del juego con los cubos de agua en Estados Unidos o en Europa, esta vez para sensibilizar contra la limpieza étnica en curso en Gaza.

Estoy hablando de #RubbleBucketChallenge, campaña promovida por un estudiante en la Universidad de Gaza, Maysam Yusef, quien, siguiendo la ola levantada por la campaña publicitaria para la SLA, nos recuerda que a causa de la guerra y la devastación perpetrada por los magnates de la economía, el oro azul se está convirtiendo en un artículo de lujo.

Volvamos por un momento a la ELA y el #IceBucket Challenge,  que se ha convertido todo un fenómeno viral en la red. En pocas palabras, se trata de lo siguiente: una persona se tira un cubo de agua fría sobre la cabeza e invita a un “conocido” a su elección para hacer lo mismo dentro de 24 horas, el castigo por renunciar es hacer una donación a la Asociación de Investigación de la ELA en los Estados Unidos o la Asociación de la Enfermedad de la Neurona Motora en Reino Unido.

En fin, un divertido juego este Ice Bucket Challenge, que hizo sonreír a los fans de los actores y que ha ayudado a los políticos a “lavarse la conciencia”. Seamos realistas: no todos ellos han hecho una donación, demostrando ser unos “interesados” por la causa médica en cuestión.

Sin lugar a dudas, el desafío del cubo de hielo ha renovado la reflexión sobre problemas como la falta de agua en 3⁄4 del planeta, el agotamiento de los acuíferos, la desertización o la privatización del agua.

Por supuesto, la mayoría de la audiencia se limitará a compartir en las redes sociales el vídeo del actor preferido que recibe una ducha de agua fría… pero estoy convencido de que una gran cantidad de personas se han cabreado cuando vieron a los ricachones, a la jet set de Hollywood y a los políticos del “mundo occidental” jugando con cubos de agua cuando al menos un continente entero se muere de sed.

Quizás tras las redes sociales, especialmente entre las de los jóvenes, donde pulula la madre de todas las enfermedades: la ignorancia, una iniciativa como la #RubbleBucketChallenge podría empezar a propagar o, a “viralizar” si se prefiere, la responsabilidad que a cada uno de nosotros nos corresponde como ser humano, a preservar el agua, el bien más preciado en el mundo. El oro, gente, no se bebe.

Aquí en Gaza no tenemos agua y cuando la tenemos no podemos hacer hielo, siempre y cuando no haya electricidad” ­ dice Abu Yazan, en el video de apertura de este artículo.

Desde Gaza los palestinos nos envían sus videos de cubos de arena y escombros, los restos que quedan de sus casas, tras el genocidio horrendo cometido por Israel y sus aliados (entre ellos Italia, que ha vendido gran parte de la armas) por motivos económicos mezquinos y principios religiosos­culturales ridículos, a modo de las Cruzadas de la Edad Media.

No tengo palabras para describir la inutilidad de las personas que se maquillan con una falsa empatía, hipócritas que discuten sobre la cooperación internacional, la acción humanitaria y el alto el fuego, mientras que y durante sus mítines, sus reuniones diplomáticas, sus cenas de gala y su chistes de mierda con competiciones de cubos de hielo incluidas, mueren miles de personas inocentes.

Con la iniciativa del Ice Bucket, la ALS americana ha recaudado hasta el momento cerca de 90 millones de dólares para la investigación de la ELA, en comparación con 2,5 millones recaudados en 2013 [datos ALS Association]. Una gran diferencia, sin duda, y estoy feliz, pero soy siempre de la opinión de que el 100% de la investigación médica debería estar financiada por los gobiernos y el dinero, en vez de matar, no debería ser un obstáculo para la investigación científica y por consiguiente de la evolución humana.

Sin embargo, ya he hablado de esto en otros artículos como: “La verdadera revolución es vivir sin dinero. No lo necesitamos más” o “Los crímenes de las compañías farmacéuticas”.

Este artículo está dedicado a Maysam Yusef, a Abu Yazan, a sus familias, a todo el pueblo palestino y a todos aquellos que mueren por causa de la guerra y la hambruna. De China a África, donde quiera que esté, lo siento, pero la guerra que nos hachen aquí, en el indolente occidente de los cubos de agua, es la de mantenernos sentados en la silla y veros morir en la tele. Somos el rebaño dormido, los esclavos que decoran la fachada de este mundo de escoria, en el que nos han condenado a vivir, con sonrisas e historietas deprimentes.

Hoy es Gaza, mañana otro país, otro pueblo, otra gente inocente. Personas que mueren a causa del gusto que prueban los poderosos en jugar a quien la tiene más larga.

Paz y amor.

 

Matteo Vitiello

(traduzione italiano-spagnolo a cura di Alex Cogswell e Matteo Vitiello).

Leggi anche:

di -
1 167

Introduzione di Matteo Vitiello

Trovo davvero patetica la visione della vita di alcune persone. Patetica è dir poco, perché le conseguenze di questa inettitudine al vivere tranquilli e sereni ha conseguenze mortali sulla vita di altre persone, innocenti ed indifese, tristemente coinvolte nella violenza che nasce da paranoie e fanatismi altrui.

Se apro un giornale, accendo la tv o navigo in rete, c’è sempre una notizia che parla di guerre o “tensioni” (mi piace come alcuni giornalisti usano questa parola per smorzare la crudeltà degli scontri e delle guerre) in Medio Oriente.

Da quando sono nato, non c’è stato un giorno in cui non abbia sentito parlare di guerre in Medio Oriente.

Brevemente, una prima riflessione. Questa gente è incapace di svegliarsi la mattina, fare colazione e andare a fare una passaggiata al parco, jihad-child-quran-swordincontrarsi con amici, chiacchierare, prendere qualcosa da bere o da mangiare? Oppure, se le cose vanno male, cercare di darsi da fare e costruire qualcosa, fare qualcosa, condividere ansie e preoccupazioni per FARE qualcosa di costruttivo con gli altri?

O sono solo capaci di fare guerre in nome del dogmatismo religioso ed uccidersi l’uno con l’altro?

Penso che non siano capaci di vivere tranquilli, sono limitati a vedere la vita in bianco e nero: o sei con Allah o sei un peccatore. O sei di questa etnia o ti ammazzo. E così via. Tutta la loro vita pare annacquata in una fanghiglia religiosa, secondo la quale si sentono divinamente prescelti ed i loro fini giustificano i mezzi. Così si prendono decisioni in Medio Oriente, incapaci di vivere senza guerra e violenza.

Benjamin, aged 7, from Louisiana, with his rifle, photo by An-Sofie Kesteleyn
http://www.theguardian.com/artanddesign/2014/apr/29/armed-to-the-milk-teeth-america-gun-toting-kids

Ora una seconda riflessione. L’altra grande notizia che vende giornali e genera traffico nella web è l’America, i gloriosi Stati Uniti d’America, con il loro presidente che ci dice: “non vi preoccupate, noi difendiamo il mondo dai terroristi”.

Gli Stati Uniti pensano di essere la panacea d’ogni male, coloro che salvano il mondo dalle guerre sante islamiche. Chi dice che gli USA sono il bene, i protettori?

Il bene ed il male convivono dentro le persone. A seconda della coscienza, della saggezza e delle relazioni sociali tra queste persone, ne scaturiscono azioni violente e guerre od amore, cooperazione e pace.

Fino ad oggi l’America ha dimostrato di essere la regina dell’ipocrisia ed il Medio Oriente il re del fanatismo religioso. Entrambi hanno optato per l’odio reciproco e la violenza.

L’incapacità dell’essere umano di guardare oltre al proprio naso, l’incapacità di riconoscersi per quello che è, l’incapacità di scendere dal piedistallo delle proprie convinzioni, tipo “io sono il bene e porto la pace nel mondo” o “io sono il prescelto, io ho ragione, voi siete peccatori e dovete morire”, hanno reso il mondo la polveriera attuale.

A me, entrambe le fazioni, fanno pena, perché nessuno è stato ancora capace di dare il buon esempio all’altro. Anzi, continuano a fomentare l’odio nei propri figli.

 

Qualche giorno fa ho ricevuto una proposta di pubblicazione da parte di Lorenzo Piersantelli, storico e blogger, redattore dell’articolo che segue, interessante e ben documentato. Ve ne consiglio la lettura.

M.V.

 

Lo “Stato Islamico”: jihadismo o creazione occidentale?

[di Lorenzo Piersantelli]

 

 Il terrorismo è la nuova forma della guerra, è il modo di fare la guerra degli ultimi sessant’anni: contro le popolazioni, prima ancora che tra eserciti o combattenti. La guerra che si può fare con migliaia di tonnellate di bombe o con l’embargo, con lo strangolamento economico o con i kamikaze sugli aerei o sugli autobus. La guerra che genera guerra, un terrorismo contro l’altro, tanto a pagare saranno poi civili inermi” (Gino Strada)

 

Leggi, teorie e definizioni che rappresentano riferimenti normativi internazionali: riferimenti universali o manovrati a proprio piacimento, o meglio a seconda Who-is-a-Terrorist-di occulti interessi tenuti ben nascosti all’opinione pubblica? Mi chiedo proprio questo quando vedo come viene definito il terrorismo dai vari governi. E si assiste a manipolazioni che degenerano in pericolose azioni di propaganda, perché troppo spesso gravano sugli equilibri internazionali, col grave rischio di degenerare in conflitti a danno di inermi cittadini del tutto estranei a certi giochi di potere.

30 Aprile 2014: il Dipartimento di Stato statunitense pubblica il suo rapporto annuale sulle organizzazioni terroristiche attive in tutto il mondo, relazionando ciò che è accaduto nel 2013. Ciò che emerge da questo rapporto è la solita conferma, o per essere più precisi, consapevolezza: i governi a stelle e strisce che si sono succeduti non hanno perso la loro letale abitudine, ovvero definire terroristi solo coloro che non appoggiano il loro piano di controllo assolutistico del mondo, che rappresenta un tentativo di imperialismo coloniale del Terzo millennio.

Un’analisi molto accurata su questa prassi rigorosamente made in USA arriva da Thierry Meyssan, studioso ed analista di politica internazionale nella stampa araba, latino-americana e russa e fondatore del portale “Rete Voltaire”, nonché autore del saggio “Il Pentagate. Altri documenti sull’11 Settembre”.

In suo interessante articolo datato 5 Maggio 2014, dal titolo “Il terrorismo visto da Washington” , Meyssan elenca tutte le contraddizioni e le volontarie omissioni del Dipartimento di Stato USA in materia di terrorismo internazionale, come ad esempio la teoria secondo cui “la Siria è il centro mondiale del terrorismo, ma nessun siriano ne è stato vittima nel corso dell’anno. Perciò, la Siria non è toccata dal terrorismo, ne è al contrario il principale e più vecchio sostegno nel mondo”.

Tratto dall’articolo di T. Meyssan [articolo completo: http://www.voltairenet.org/article183631.html]:

Per le Nazioni Unite, il terrorismo è, secondo la definizione del ricercatore olandese Alex P. Schmid: ‘un metodo d’azione violenta ripetuta volto paranoia usaa ispirare l’ansia, usato da attori individuali, in gruppo o su base statale, (semi-) clandestini, per ragioni idiosincratiche, criminali o politiche, per cui – a differenza dell’assassinio – gli obiettivi diretti della violenza non sono i principali obiettivi. Le vittime umane immediate della violenza sono generalmente scelte a caso (bersagli d’occasione) o selettivamente (obiettivi rappresentativi o simbolici) presso una popolazione obiettivo, e servono come generatori di messaggi. I processi di comunicazione basati sulla violenza o la minaccia tra le (organizzazioni) terroriste, le vittime (potenziali), e gli obiettivi principali sono utilizzati per manipolare l’obiettivo (pubblico) principale, rendendolo bersaglio del terrore, un obiettivo di richieste, o un oggetto mirato di attenzione, a seconda che l’intimidazione, la coercizione, o la propaganda sia il primo obiettivo’.

Ma dal 2004 l’ordinamento statunitense definisce il terrorismo come ‘atti premeditati di violenza politica contro dei non-combattenti da parte di gruppi subnazionali o agenti clandestini’.

Questa definizione punta a condannare come criminali gli atti di resistenza al colonialismo o all’imperialismo e a cancellare i crimini commessi dallo stato coloniale di Israele e dagli stati imperialisti occidentali, in primis gli Stati Uniti stessi. La definizione assimila la Resistenza al terrorismo. Prima della Seconda Guerra Mondiale, il termine ‘resistenza’ designava le forze reazionarie che si opponevano al Progresso. Ma dopo la Guerra mondiale, si riferisce a ‘qualsiasi movimento che si oppone all’occupazione di un paese da parte di forze straniere’ in riferimento alla Resistenza francese contro i collaborazionisti dei nazisti e i funzionari civili o militari del Reich.

 

 

Agosto 2014: il mondo assiste passivamente alle più cruente torture da parte dei jihadisti sunniti che compongono il Califfato dello Stato Islamico e che hanno occupato alcune aree nel nord dell’Iraq e della Siria. Vittime di queste atroci torture e di queste uccisioni sarebbero le minoranze di cristiani e di yazidi e curdi.

america e islamUna massiccia campagna mediatica che annuncia il formarsi di nuovi equilibri e molto probabilmente il ridisegnarsi di nuovi confini geografici in quel martoriato Medio Oriente a ridosso del Golfo. A fare da contorno a tutto ciò, una manovra congiunta di regie occulte che dirigono accordi tra paesi occidentali e del Medio Oriente e, quindi, nuovi business miliardari: sta accadendo proprio questo in quel vasto territorio in gran desertico che si estende dal nordest della Siria al nordovest dell’Iraq. Una nuova geografia scritta sullo strascico di un susseguirsi di aspri e sanguinari conflitti quale conseguenza dell’invasione statunitense del 2003 in nome di una presunta “guerra al terrorismo” ma che, dopo ben undici anni, lascia il Paese nelle macerie ed in mano al più cruento jihadismo.

E sulla base anche di un progressivo e sistematico indebolimento di Iraq e Siria, il gruppo jihadista “Stato Islamico dell’Iraq e del Levante”, più noto come ISIL, continua ad estendere il suo dominio sotto la guida del leader Abu Bakr al Baghdadi: il gruppo vanta sostegni finanziari ed armamenti di gran lunga superiori ad al-Qaeda e prosegue il suo accaparrarsi consensi col ricorso alla violenza estrema ed al predicare il principio della “purezza islamica sunnita”. E la sottrazione armata ai due Stati delle province ricche di giacimenti petrolifere assicurerebbe alle milizie fondamentaliste un costante flusso di denaro.

Dal 9 Giugno 2014, le milizie guidate da Abu Kabr hanno occupato città importanti come Mosul, capitale settentrionale dell’Iraq che sorge sulle sponde del Tigri, e gran parte di quelle aree sunnite irachene. Anche l’area occidentale della Siria è stata annessa al comando dell’ISIL, proprio in piena “continuità territoriale col suo feudo iracheno”.
Un’interminabile sequenza di esecuzioni sommarie di chiunque si trovi sul cammino di questa milizia jihadista sunnita; e il sospetto sempre più prossimo a diventare realtà di una regia occidentale che porta ad insediarsi in un’area ritenuta fondamentale dal punto di vista di una politica energetica internazionale: ovvero la presenza dei pozzi di petrolio più prolifici al mondo.

A confermare questa tesi, ci sono anche degli studi condotti da F. William Engdahl, noto giornalista d’inchiesta ed analista politologo in ambito internazionale.

Il primo aspetto a conferma di questa tesi fa capo alle testimonianze raccolte da alcuni giornalisti iracheni, che riferiscono come i miliziani dell’ISIL abbiano invaso la strategica regione di Mosul, città del nord iracheno vicina al confine con la Siria, senza incontrare nessuna resistenza. Inoltre, molti abitanti della città di Tikrit riferiscono di numerosi soldati iracheni che avrebbero ceduto armamenti ed uniformi ricevute dal governo statunitense alle milizie jihadiste.

Ad architettare e permettere la perfetta messa in atto delle conquiste territoriali da parte dell’ISIL sarebbe, sempre secondo William Engdahl, il Generale Ibrahim Al Douri, ex comandante della fazione politica Baath e successore designato di Saddam Hussein, ufficialmente noto come pericoloso terrorista tra i più ricercati dal governo e dall’intelligence statunitensi, ma che vanta amicizie molto influenti ed altolocate negli USA.

C’è poi l’aspetto finanziario dell’ISIL: è documentato che gran parte dei sussidi finanziari che la milizia percepisce provengono da tre Stati storicamente alleati con gli States: Kuwait, Qatar ed Arabia Saudita, da cui provengono i maggiori azionisti di corporations a stelle e strisce. Basti pensare che solo i sauditi detengono più dell’otto per cento, in azioni e quote societarie, dell’economia USA. E non va dimenticato che da pochi anni il capo dell’intelligence saudita è il Principe Bandar Bin Sultan, ex ambasciatore saudita negli USA e molto legato alla famiglia Bush, a Dick Cheney, a Donald Rumsfeld e a molti alti funzionari della CIA.

Un funzionario del governo giordano interpellato da Engdahl, coperto da anonimato ma ritenuto da più organi di stampa indipendenti piuttosto autorevole, afferma che già nel 2012 uomini dell’ISIL sarebbero stati addestrati dalla CIA, insieme a uomini dell’intelligence turca e giordana e ai ribelli siriani contro il regime di Assad, in un campo segreto a Safawi, nell’area desertica situata a nord della Giordania; e, particolare ancora più inquietante, i finanziamenti a beneficio di questa base segreta proverrebbero proprio dall’Arabia Saudita e dal Qatar.
Non è la prima volta che in campi americani segreti di addestramento in Giordania, come questo di Safawi, ed in altri Paesi vicini, migliaia di combattenti di matrice jihadista “sarebbero stati edotti dagli istruttori statunitensi alle tecniche di guerriglia, sabotaggio e terrorismo”. Sembra esserci anche questa ragione alla base dello scarso contrasto, almeno finora, degli USA all’intensificarsi dei gravi sviluppo della questione irachena.

Inoltre, in un suo recente articolo, il reporter iracheno Sabah Zanganeh avvalora questa tesi scrivendo: “L’Isil non avrebbe avuto certo la possibilità di conquistare Mosul, facendo conto solo sulle sue forze. Ciò che è accaduto, piuttosto, appare come il risultato della collaborazione tra le intelligence di alcuni Paesi della regione con gruppi estremisti del governo iracheno”.

 

29 Giugno 2014: lo “Stato islamico dell’Iraq e del Levante”, o ISIL, gruppo sunnita-jihadista nato sulla base di un progressivo e sistematico indebolimento di Iraq e Siria e guidato da Abu Bakr al Baghdadi annuncia la nascita di un califfato islamico dal nord della Siria alla provincia irachena di Diyala. Il califfo nominato di questo nuovo “stato” è proprio Abu Bakr al-Baghdadi, dopo un’interminabile sequenza di esecuzioni sommarie di chiunque si trovi

Jihad childsull’avanzare di questa milizia jihadista sunnita; e il sospetto sempre più prossimo a diventare realtà di una regia occidentale che porta ad insediarsi in un’area ritenuta fondamentale dal punto di vista di una politica energetica internazionale: ovvero la presenza dei pozzi di petrolio più prolifici al mondo, risorsa che sembra garantire, insieme a sostegni finanziari ed armamenti di gran lunga superiori ad al-Qaeda, la sussistenza economica.
Dietro questo nuovo califfato di fondamentalisti, annunciato con proclami che risuonano come vere e proprie minacce alla sicurezza internazionale ci sono forti dubbi: sia sul pericolo o meno rappresentato da questa cellula nata dalla scissione da al-Qaeda, sia sulle dietrologie di questo evento. A tal proposito, più fonti ed analisti internazionali autorevoli hanno ipotizzato tutto ciò come un progetto ben organizzato coordinato dagli USA e dalla NATO.
Personalmente ritengo che qualsiasi teoria fondata sulla base di un riscontro documentale, come questa, vada analizzata e valutata con la massima obiettività, soprattutto se supportata da documenti declassificati dei governi coinvolti.
Un’analisi molto accurata è stata condotta dal Prof. Michel Chossudovsky, docente emerito di Economia presso l’Università di Ottawa, analista internazionale ed autore di “The Globalization of Poverty and The New World Order” (2003), bestseller internazionale tradotto in pià di dieci lingue, di “War on Terrorism  (2005), nonché fondatore e direttore del “Centro di ricerca sulla globalizzazione”.

In un suo articolo datato 5 Luglio 2014 ed intitolato “Lo Stato Islamico, il ‘Progetto Califfato’ e la ‘guerra Mondiale contro il terrorismo’ ” (tradotto in italiano al link http://www.ossin.org/iraq/lo-stato-islamico-il-progetto-califfato-e-la-guerra-mondiale-contro-il-terrorismo.html), il Professor Chossudovsky riporta una serie di documenti che dimostrerebbero come tutto ciò sia un progetto già ideato nel 2004 dal National Intelligence Council, o NIC, del governo USA:

La leggenda di Al Qaeda e la minaccia di un ‘Nemico Esterno’ viene alimentata da molti media e dalla propaganda governativa. Nell’era post-11 settembre 2001, la minaccia terrorista di Al Qaeda costituisce la pietra angolare della dottrina militare USA/NATO. Essa giustifica – sotto copertura di azioni umanitarie – le ‘operazioni antiterroriste’ in tutto il mondo. Conosciute e documentate, talune entità affiliate a Al Qaeda sono state strumentalizzate da USA/NATO in molti conflitti quali “elementi attivi della intelligence”, fin dagli epici momenti del conflitto tra l’Afghanistan e l’Unione Sovietica. In Siria i ribelli di al Nusra e di ISIS sono le truppe dell’alleanza militare occidentale, che a sua volta supervisiona e controlla il reclutamento e l’addestramento di forze paramilitari.

Mentre il Dipartimento di Stato USA accusa diversi paesi di ospitare i terroristi, gli Stati Uniti sono, al livello mondiale, lo “Stato Sponsor del terrorismo” numero 1: Lo Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS, Islamic State of Iraq and al-Sham) – che imperversa sia in Iraq che in Siria – viene segretamente sostenuto e finanziato dagli USA e dai loro alleati, tra cui la Turchia, l’Arabia saudita e il Qatar. Inoltre il progetto di califfato sunnita dello Stato islamico dell’Iraq e del Levante coincide con un vecchio progetto USA diretto a spezzettare l’Iraq e la Siria in territori distinti: un califfato islamico Sunnita, una Repubblica Araba Sciita, una Repubblica del Kurdistan, tra gli altri.

La Guerra Mondiale contro il terrorismo guidata dagli USA costituisce la pietra angolare della dottrina militare statunitense. “Dare la caccia ai terroristi” è un elemento centrale della guerra non convenzionale. L’obiettivo sottostante è quello di giustificare operazioni antiterroriste in tutto il mondo, che consentano agli USA e si loro alleati di ingerirsi negli affari interni delle nazioni sovrane.

Molti autori progressisti e i media alternativi, tutti attenti a seguire gli sviluppi recenti in Iraq, non ne comprendono la logica tutta interna alla ‘Guerra Mondiale contro il terrorismo’. L’ISIS viene spesso considerato come una “entità indipendente” piuttosto che uno strumento dell’alleanza militare occidentale. Peraltro molti attivisti pacifisti impegnati – che si oppongono all’agenda militare della NATO – approvano però il programma antiterrorista di Washington contro Al Qaeda. La minaccia terrorista mondiale viene considerata come ‘reale’. ‘Noi siamo contro la guerra, ma appoggiamo la Guerra Mondiale contro il terrorismo’”.

Il progetto Califfato e il Rapporto del Consiglio Nazionale di Informazione USA 

Un nuovo flusso di propaganda è stato messo in movimento. Il capo dell’ormai defunto Stato Islamico dell’Iraq e del Levante (ISIS), Abu Bakr al-Baghdadi, ha annunciato il 29 giugno 2014 la creazione di uno Stato islamico.
I combattenti fedeli al ‘Califfo Ibrahim ibn Awwad’, ovvero Abu Bakr al Baghdadi come era conosciuto fino all’annuncio di domenica 1 luglio, si ispirano al Califfato Rachidun (Il Califfato “ben guidato” retto dai primi quattro successori di Maometto, ndt), succeduto al Profeta Maometto nel 7° secolo, e viene venerato dalla maggior parte dei Mussulmani (Daily Telegraph, 30 giugno 2014)

Guns TurkistanÈ di una ironia crudele il fatto che il progetto di Califfato, come strumento di propaganda, giaccia nei cassetti dei Servizi USA da più di dieci anni. Nel dicembre 2004, ancora sotto l’amministrazione Bush, il Consiglio Nazionale di Informazione (NIC, National Intelligence Council) aveva previsto che, entro l’anno 2020, si sarebbe costituito un nuovo Califfato, tra il Mediterraneo Occidentale e l’Asia Centrale e l’Asia del Sud-Est, minacciando la democrazia e i valori occidentali.

Le ‘scoperte’ del NIC sono state pubblicate in un rapporto di 123 pagine accessibile al pubblico, intitolato ‘Tracciare il futuro mondiale’ (‘Mapping the Global Future’) .

Un Nuovo Califfato ci dà un esempio di come un movimento mondiale alimentato da politici radicali di identità religiosa potrebbe rappresentare una sfida alle norme e ai valori occidentali, quali fondamento di un sistema mondiale’.

Il rapporto del NIC del 2004 rasenta il ridicolo, del tutto privo come è di elementi di informazione e di analisi storica e geopolitica. La sua narrazione inventata sul Califfato, però, rassomiglia in modo impressionante all’annuncio, rilanciato in tutto il net, della creazione del Califfato da parte del capo dell’ISIS, Abu Bakr al-Baghdadi.

Il rapporto del NIC presenta un sedicente ‘scenario fantastico scritto da un immaginario nipote di Ben Laden a un membro della famiglia nel 2020′. È  su questa base che si avventura in previsioni per l’anno 2020. Basandosi sulla lettera di un nipote inventato di Ben Laden, piuttosto che su elementi informativi ed una analisi empirica, la comunità USA di intelligence ne ricava che il Califfato rappresenta un pericolo reale per il mondo e la civiltà occidentale.

Da un punto di vista propagandistico, l’obiettivo perseguito dal ‘progetto Califfato’ – così come descritto dal NIC – è di demonizzare i Mussulmani in vista di giustificare una crociata militare:

Lo scenario immaginario descritto costituisce un esempio di come un movimento mondiale alimentato da un comunitarismo religioso radicale potrebbe emergere’. Secondo questo scenario, viene proclamato un nuovo Califfato e contribuisce a fare avanzare una potente contro-ideologia che si combina con estesi interessi. Viene messo in scena nella forma di una ipotetica lettera di un nipote imaginario di Ben Laden a un membro della famiglia nel 2020. Racconta le lotte del Califfo per tentare di strappare l’egemonia ai regimi tradizionali, nonché i conflitti e la confusione che si creano conseguentemente nel mondo mussulmano e all’esterno, tra i Mussulmani e gli Stati Uniti, l’Europa, la Russia e la Cina. Mentre la capacità del Califfo di mobilitare sostegni varia, alcune zone lontane dal centro mussulmano del Medio Oriente – in Africa e in Asia – entrano in convulsione a causa dei suoi appelli. Lo scenario termina prima che il Califfo riesca a consolidare sia l’autorità spirituale che quella temporale sul suo territorio – come è stato storicamente per i Califfati precedenti. Alla fine, si traggono alcune lezioni’. (Mapping the Global Future, p.83)

La pagina 90 del rapporto “Mapping the Global Future”

Questo rapporto ‘imposto’ del NIC, ‘Mapping the Global Future’ non è stato solo presentato alla Casa Bianca, al Congresso e al Pentagono, è stato anche trasmesso agli alleati degli USA. La ‘minaccia proveniente dal mondo mussulmano’, cui fa riferimento il rapporto del NIC (compresa la sezione sul progetto di Califfato) dimora fermamente nella dottrina militare di USA/NATO.

L’intenzione era che il documento del NIC fosse letto da dirigenti di alto livello. Insomma faceva parte della campagna di propaganda ‘TOPOFF’ (‘Top Official’, responsabili di alto rango) che ha per destinatari gli alti funzionari che assumono le decisioni di politica estera e militare, senza dimenticare gli intellettuali, i ricercatori e gli attivisti di ONG. L’obiettivo è di fare in modo che i ‘responsabili di alto rango’ continuino a credere che i terroristi islamisti minacciano la sicurezza del mondo occidentale.

Il fondamento teorico dello scenario del Califfato è lo ‘scontro di civiltà’, che giustifica, agli occhi dell’opinione pubblica, gli interventi degli USA nel mondo nel quadro di un’agenda mondiale anti terrorista.
Da un punto di vista geopolitico e geografico, il Califfato si estende su una vasta regione sulla quale gli Stati Uniti tentano di accrescere la loro influenza economica e strategica. Come ha detto Dick Cheney, a proposito del rapporto del NIC del 2004:

‘Dicono di volere ricostruire qualcosa che potreste chiamare il Califfato del 7° secolo. E’ il mondo come era organizzato 1200 o 1300 anni fa, quando l’Islam o genti mussulmane controllavano tutto, dal Portogallo e la Spagna a Ovest, attraverso il Mediterraneo verso l’Africa del Nord, tutta l’Africa del Nord, il Medio oriente, risalendo nei Balcani, le Repubbliche dell’Asia Centrale, l’estremo sud della Russia, buona parte dell’India, fino a quella che oggi è l’Indonesia. In una parola, da Bali e Giacarta da un lato, fino a Madrid dall’altro’ (Dick Cheney).

Quello che Cheney descrive nel contesto di oggi è una vasta regione che si estende dal Mediterraneo all’Asia Centrale e all’Asia del Sud-Est, nella quel gli USA e i loro alleati sono direttamente impegnati in diverse operazioni militari e di spionaggio. L’obiettivo confessato del rapporto del NIC era di ‘preparare la successiva amministrazione Bush alle sfide che l’attendevano, facendo delle proiezioni a partire dalle tendenze del momento, che potessero costituire una minaccia per gli interessi USA’.

Il documento del NIC partiva, non dimentichiamolo, dalla ‘ipotetica lettera di un immaginario nipote di Ben Laden ad una membro (immaginario) della famiglia nel 2020′. ‘Le lezioni da trarre’, cosi come vengono abbozzate nel documento‘imposto’ del NIC sono le seguenti:

  • Il progetto di califfato ‘costituisce una seria sfida all’ordine internazionale’
  • ‘La rivoluzione delle tecnologie dell’informazione riuscirà probabilmente ad ampliare lo scontro tra il mondo occidentale e il mondo mussulmano…’.

Il documento fa riferimento all’appello ai Mussulmani lanciato dal Califfo e conclude che: ‘La proclamazione del califfato non ridurrà i rischi di terrorismo e l’instaurarsi di nuovi conflitti’.

L’analisi del NIC suggerisce che la proclamazione di un califfato provocherà una nuova ondata di terrorismo di matrice mussulmana, giustificando in tal modo una nuova escalation nella Guerra Mondiale contro il Terrorismo da parte degli USA:

‘La proclamazione del Califfato… potrà generare una nuova generazione di terroristi risoluti ad attaccare quelli che si oppongono al Califfato, che siano interni o esterni al mondo mussulmano’.

Quello che il rapporto omette di menzionare è che l’intelligence USA, in cooperazione con il MI-6 inglese e il Mossad israeliano, è segretamente impegnata nel sostegno sia ai terroristi che al progetto di califfato.

A loro volta, i media si sono impegnati in una nuova ondata di menzogne e di invenzioni, focalizzandosi su una nuova ‘minaccia terrorista’ proveniente non solo dal mondo mussulmano, ma dai ‘terroristi islamisti domestici’ in Europa e in America del Nord. [www.ossin.org]

Emerge dunque il tanto sospettato coinvolgimento di quei Paesi che si trovano impegnati nel vortice dei conflitti del Medioriente, area da sempre strategica dal punto di vista economico-militare.

7 Agosto 2014: Obama autorizza i bombardamento aerei in Iraq, con lo scopo di colpire gli obiettivi dell’ISIL e fermare il massacro di cristiani e di yazidi, ed il lancio tramite paracadute di aiuti umanitari ed esclude, momentaneamente, la missione militare via terra.

14 Agosto 2014: circa cento marines atterrano sul Monte Sinjar, nel Nord dell’Iraq, per sostenere la fuga di più di trentamila yazidi minacciati dai jihadisti dell’ISIL. Questi soldati americani sono chiamati a rafforzare un contingente ridotto di truppe speciali americane e britanniche, lo stesso contingente che dal 7 Agosto guida i raid aerei contro le artiglierie del Califfato guidato Abu Bakr al Baghdadi.

Ben Rhodes, consigliere della Casa Bianca sulle questioni strategiche, dichiara espressamente: “Nei prossimi giorni il presidente Barack Obama riceverà delle raccomandazioni su come salvare i civili assediati nel Nord Iraq e includeranno l’invio di truppe di terra”.

Anche la Francia comunica che inizierà ad armare i yazidi perseguitati dall’Isil, che intanto avanza, conquistando sempre più aree e città di primaria importanza.

Sembrerebbe una normale azione di tutela di minoranze etniche dalle barbarie dei jihadisti dell’ISIL, se non fosse che una dichiarazione di Edward Snowden, l’ex informatico al servizio dell’NSA, affermi ben altro, supportato da documenti declassificati dell’NSA: in un articolo firmato G.B. e pubblicato in data 9 Agosto 2014 da “Tribuno del Popolo” si legge una precisa sintesi di tutto ciò:

baghdadi compAl Baghdadi, il leader dell’Isis, ovvero il gruppo jihadista estremista che vuole formare un califfato tra Iraq e Siria, sarebbe al soldo degli Stati Uniti. Edward Snowden però ha reso pubblico un documento dell’Nsa che rivelerebbe come Al Baghadi sia in realtà stato formato dai servizi americani e israeliani proprio per dirigere l’Isis. Altro che guerra al terrore… Se volete capire bene come mai Edward Snowden rimarrà ancora a lungo a vivere in Russia vi basterà leggere attentamente quanto successo in merito all’Isis in Medio Oriente. Secondo un documento dell’Nsa reso pubblico proprio da Snowden sarebbe emerso che l’Isis sarebbe niente altro che una creatura dei servizi segreti occidentali, e anche anche il suo capo, il temibile Abu Bakr Al Baghdadi, altro non sarebbe che uomo al soldo dei servizi israeliani e americani, già detenuto proprio dagli Stati Uniti a Camp Bucca nel 2004. Secondo il documento di Snowden insomma, i servizi britannici, americani e israeliani sarebbero direttamente responsabili della creazione dello Stato Islamico d’Iraq e Siria (Isis), una organizzazione estremista e terroristica nata portando tutti i fanatici del mondo nello stesso posto, ovvero il nord della Siria strappato a Damasco mediante violenze inenarrabili. Secondo il “Gulf Daily News”, dietro alla figura di Al Baghdadi ci sarebbe il Mossad, che avrebbe addestrato in prima fila molti dei soldati dell’Isis. In sostanza Israele avrebbe appoggiato l’Isis per creare la percezione di una minaccia forte ai propri confini, anche se la notizia è stata smentita dal diario personale dell’ex primo ministro israeliano Moshe Sharett, il quale ha affermato che Tel Aviv non ha mai preso sul serio la minaccia musulmana alla propria sicurezza nazionale. Ma vere o false che siano le voci su Al Baghdadi abbiamo sufficienti elementi in mano per sostenere che se non altro fino a pochi mesi fa nessuno in Occidente prendeva sul serio l’Isis, al contrario, le cancellerie occidentali probabilmente leggevano con con soddisfazione di attacchi contro l’esercito siriano. Ora l’Isis ha attaccato l’Iraq, guardacaso altro paese allineato con Damasco e Teheran, guardacaso tutte guerre contro avversari storici di Stati Uniti e Israele.” [http://www.tribunodelpopolo.it/al-baghdadi-creatura-degli-usa-lo-sostiene-snowden/]

Se ciò fosse vero, sarebbe la conferma di quel “disegno” degli USA che risale al 2004: creare il Califfato ed addestrare i suoi appartenenti.

Una serie di analisi spaventosamente forti ma anche ampiamente documentate, che lasciano spazio ad un’amara considerazione: se tutto ciò fosse vero, ancora una volta i presupposti per parlare di un’accertata torbida e sanguinaria politica estera degli USA e di quei Paesi a loro “vicini” degli ultimi decenni ci sono, così come emergono sempre più le conseguenze nefaste di questo imperialismo lobbystico. Milioni di vittime tra inermi ed innocenti cittadini, migliaia di soldati morti ed una politica di garanzia e supervisione dell’Unione Europea totalmente inadeguata.

Un quadro internazionale che sembra davvero gettare le basi ad una nuova guerra in Iraq e ad una “nuova Guerra Fredda” ed interessi anche monetari e nel controllo delle risorse energetiche, che vede contrapposti ancora una volta l’asse USA-Regno Unito ed Israele alla Russia. Perché dunque parlare di guerra al terrorismo? E soprattutto, chi sono i terroristi? Fondamentalisti islamici o creazioni delle intelligence occidentali? Intanto, chissà come mai, quasi nessuno parla di quelle guerre che da anni tormentano la Repubblica Centrafricana ed il Sudan…

Lorenzo Piersantelli

[Tutte le fonti dell'articolo sono consultabili sul sito dell'autore, Lorenzo Piersantelli: http://lpiersantelli.wordpress.com/]

Leggi anche:

La crisi del dollaro e il controllo degli idrocarburi: il filo conduttore tra Ucraina, Striscia di Gaza, Iraq, Siria e Libia

Italia, signora della guerra. Tutti i dati sul commercio d’armi (aggiornato 2014)

Gli uomini peggiori sono al potere. I migliori, massacrati ed ignorati

 

 

 

 

 

 

 

 

 

di -
1 22
 
GIVE PEACE A CHANCE
 
Tutti parlano di
borsismo, pelismo, draghismo, mattismo, straccismo, etichettismo
quest’ismo o quell’ismo, ismo, ismo, ismo.Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace
tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace

Dai!
Tutti parlano di ministri, sinistri, balaustre e scatolette
Vescovi, pescovi, rabbini e papocchi e tanti saluti.

Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace
Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace

Senti!
Tutti parlano di
Rivoluzione, evoluzione, masturbazione,
Flagellazione, norme, integrazioni,
Meditazioni, Nazioni Unite,
Congratulazioni

Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace
Tutto ciò che noi diciamo è: offri una possibilità alla pace

Tutti parlano di
John e Yoko,Timmy Leary, Rosemary,
Tommy Smothers, Bobby Dylan, Tommy Cooper,
Derek Taylor, Norman Mailer,
Alan Ginsberg, Hare Krishna,
Hare, Hare Krishna

Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace
Tutto ciò che noi diciamo è: date una possibilità alla pace.

____________________________________________
 
Ev’rybody’s talkin’ ’bout
Bagism, Shagism, Dragism, Madism, Ragism, Tagism
This-ism, that-ism, ism ism ism
All we are saying is give peace a chance
All we are saying is give peace a chance

(C’mon)
Ev’rybody’s talkin’ ’bout
Minister, Sinister, Banisters and Canisters,
Bishops, Fishops, Rabbis, and Pop Eyes, Bye bye, Bye byes
All we are saying is give peace a chance
All we are saying is give peace a chance

(Let me tell you now)
Ev’rybody’s talkin’ ’bout
Revolution, Evolution, Masturbation, Flagellation, Regulation,
Integrations, mediations, United Nations, congratulations
All we are saying is give peace a chance
All we are saying is give peace a chance

Ev’rybody’s talkin’ ’bout
John and Yoko, Timmy Leary, Rosemary,
Tommy Smothers, Bobby Dylan, Tommy Cooper,
Derek Taylor, Norman Mailer, Alan Ginsberg, Hare Krishna
Hare Hare Krishna
All we are saying is give peace a chance
All we are saying is give peace a chance

Leggi anche: