Bevi Red Bull che ti fa bene…

6
1469

Four Loko. Bevanda energizzante statunitense. Una Red Bull elevate al quadrato e con alcol. Ottima per mantenere desti i cervelli sempre più atrofizzati ed i corpi sempre più debilitati di milioni di consumatori. Four perché sono proprio quattro gli ingredienti di questa bevanda: alcol, caffeina, taurina e guaranà (contiene, inoltre, acqua carbonata e tanti altri dannosi additivi artificiali, ndr.).

Distribuita dal 2005 negli Stati Uniti ed ogni presente in quarantasei Paesi europei, la FourLoko è stata messa al bando lo scorso mercoledì 17 novembre dall’autorità statunitense Food and Drus Administration (FDA). Una lattina da 0,7litri di FourLoko ha un tasso alcolico del 12%, ovvero una sola lattina contiene circa lo stesso quantitativo di alcol di una bottiglia di vino. Tutto questo è mescolato con 260 milligrammi di caffeina, l’equivalente a circa tre tazze da colazione belle piene di caffè. Un Rhum-Cola contiene un’unità di alcol pari ad un bicchiere di vino e 11 milligrammi di caffeina, ad esempio.

Bevande come la FourLoko sono molto diffuse negli Stati Uniti, soprattutto nei campus universitari, dove molti giovani le consumano. Ieri, 18 novembre, la Food and Drug Administration ha spedito una lettera d’avviso a quattro grandi compagnie produttrici di tali bevande, tra cui la FourLoko, comunicando che i loro prodotti stanno infrangendo le leggi sulla sicurezza alimentare. Tali bevande, chiamate in gergo CABs (Caffeine Alcholic Beverage), sono dannose per la salute, in quanto combinano elevate dosi di caffeina ed alcol. L’autorevole FDA ha dato quindici giorni di tempo ai produttori per diminuire il dosaggio eccessivo di caffeina e taurina delle proprie bevande, pena il ritiro totale dei propri stock dal commercio.

In queste bevande energizzanti alcoliche, la caffeina maschera l’effetto soporifero e depressivo dell’alcol e crea uno stato di desta ubriachezza, niente di più eccitante, no? Poter bere e bere e tenere tutto sotto controllo. Bene, a questo punto una precisazione: a casa propria si possono preparare mix alcolici anche ben più forti e più pericolosi ma non è questo il tema in questione, l’accusa va alle industrie produttrici di veleni come la FourLoko, bevande pericolose la cui commercializzazione su scala mondiale dovrebbe essere bandita, sono prodotti dannosi per la salute e sono pubblicizzati come benefici per le facoltà psicofisiche. Un’ottima trovata commerciale, drogare i consumatori per vendere di più. È la strategia nota alla maggior parte di industrie produttrici di cibi e bevande fast-food e similari. Insomma, è arrivata la direttiva da parte dei medici che chiedono ai produttori di diminuire il livello di caffeina.

Sempre una buona fetta di popolazione sarà attratta da prodotti come FourLoko, soprattutto gli adolescenti, più facilmente manipolabili con buona pubblicità e le varie tecniche mediatiche di lavaggio del cervello.

Cosa hanno risposto i produttori all’avviso che gli è stato inviato dalla FDA? Il portavoce della Phusion Projects LLC, la produttrice di Chicago della FourLoko ha promesso di rimuovere la caffeina di troppo; Michael Michail, invece, presidente della United Brands di San Diego ha affermato: “siamo completamente in disaccordo con l’azione della FDA e continueremo a produrre prodotti di qualità per venire incontro alla domanda dei nostri consumatori adulti”. Rhonda Kallman, fondatrice ed amministratore delegate della New Century Brewing Company di Boston si è detta scioccata dal contenuto della lettera ricevuta dalla FDA. La quarta compagnia, la Charge Beverages di Portland non ha rilasciato, per ora, commenti.

Joose, Sparks e Tilt sono altre tre bevande simili alla FourLoko.

Fino a che il mercato proporrà cibi ed alimenti e li etichetterà come buoni, una buona fetta di popolazione continuerà a mangiare panini McDonald e bere FourLoko, per pigrizia, per divertimento, perché vittime del consumismo e della pubblicità, per ignoranza.

Questo il link alla lettera che gli scienziati del FED hanno spedito alle produttrici di bevande energetiche alcoliche.

NEWS DEL 23 MAGGIO 2011 [MEDICALEXPRESS.COM]

The popular, formerly caffeinated, fruity alcoholic beverage, Four Loko, has been blamed for the spike in alcohol-related hospitalizations, especially throughout college campuses

Initially, caffeine was deemed the culprit and the Food and Drug Administrationordered all traces of caffeine to be removed from Four Loko and all other similar beverages. However, according to an upcoming evaluation in Perspectives on Psychological Science, a journal of the Association for Psychological Science, caffeine might not be the primary cause of the spike in hospitalizations.

“Four Loko didn’t have the extraordinary intoxicating effect because of caffeine, but rather because of the phenomenon of situational specificity of tolerance”, says Shepard Siegel of McMaster University, who wrote the article to highlight the importance of unusual cues related to alcohol tolerance.

The situational specificity of tolerance implies that alcohol will have a greater effect if administered in the presence of unusual cues, rather than in familiar settings typically associated with the drug. It has been known, at least since the time of Ivan Pavlov that our bodies prepare for food when it is time to eat, or when we smell the food cooking, or when other stimuli signal that we will soon be presented with a meal. More recently, it has also been determined that we similarly prepare for a drug.

We have experienced many pairings of certain flavors (e.g., beer, wine) with theeffects of alcohol. If we now experience alcohol in the presence of a novel flavor, such as an ersatz fruit flavor, we end up experiencing a heightened alcohol effect. This is because we have not associated such unusual flavors with the effects of alcohol and therefore do not make any preparatory response to lessen the drug effect.

According to Siegel, previous studies have clearly demonstrated situational specificity of tolerance to alcohol in university students. For example, in one experiment, participants were divided into groups where one was given alcohol in a familiar context – beer in a bar and the second group was given the same amount of alcohol in an unusual context – mixed with sweetened carbonated water in an office. The unusual context group became more intoxicated than the usual context group.

If someone were to continually consume a particular flavor mixed with alcohol, they would eventually form a strong association between that flavor and the effects of alcohol. This would cause the person to build a tolerance and the beverage would no longer be exceptionally intoxicating. Says Siegel, “Four Loko’s fruit flavor hasn’t been previously paired with alcohol, and because that association between flavor and alcohol hasn’t been made, greater intoxication may occur.”

In a recent press release, the manufacturer of Four Loko, Phusion Projects, announced a new version of their drink, Four Loko XXX Limited Edition. According to that press release, “The innovative product will feature a brand new Four Loko flavor profile every four months”. It is possible that changing the flavors of Four Loko might cause a person to be unable to form an association or tolerance, which increases its intoxication effect.

Matteo Vitiello

Leggi anche:

Buycott: l’app per boicottare. Come sapere di più sull’origine di prodotti e aziende

McDonald cacca! Perché non portare i propri figli da McDonald

Benetton: ipocrisia e soprusi contro gli indigeni argentini

6 COMMENTS

  1. […] Un ulteriore consiglio: evitate di usare maionese e ketchup, contengono il cancerogeno sodio benzoato (E211) ed altre schifezze chimiche. No-comment su Coca Cola e altre bevande colorate (potete leggere questo articolo: “Bevi Red Bull che ti fa bene…”). […]

LEAVE A REPLY